Tipi di depressione

 

CHE COS’E’ LA DEPRESSIONE?

Spesso, sentiamo parlare di depressione endogena e depressione reattiva.
Che cosa sono, e qual è la differenza?

A livello descrittivo, possiamo definire la depressione in termini di uno stato psichico, caratterizzato da un abbassamento del tono dell’umore, che causa un'importante caduta dell'autostima e si manifesta con la tendenza all'isolamento e con la mancanza d'incentivi e d'impegno per i compiti della vita.
Essa è convenzionalmente descritta all'interno di due quadri sintomatologici: la depressione endogena e la depressione reattiva.
Le cause della prima sono radicate nella storia evolutiva dell'individuo e ha un impatto importante, perché fluttua inevitabilmente negli aspetti maniaco-depressivi: la perdurante tristezza, ma anche uno stato d'eccitazione alterato, accompagnata da idee di miseria e di colpa, agisce sul bisogno di punizione e di espiazione.
Per la depressione reattiva, la situazione è più semplice, per il fatto che non è cronica come la depressione endogena, ma temporanea e più circoscritta nel tempo. I suoi esiti dipenderanno e saranno legati temporalmente in termini di durata all’andamento e all’esito del processo di elaborazione del lutto legato alla perdita subita. La persona mantiene un andamento ai limiti di uno stato comprensivo per la psicopatologia, ma limita in modo moderato la capacità vitale del soggetto, poiché la possibilità intrinseca d'elaborare il lutto lo porterà a stabilire nuove relazioni e investimenti oggettuali.

 

Comments